Weekend a Lione.La capitale gastronomica francese |

Un weekend a Lione. La capitale enogastronomica francese

Nonostante sia la terza cittá piú popolata di Francia, Lione é ben lontana dalle maree di turisti che affollano le vie di Parigi. La cittá vive un atmosfera pacata ma é al tempo stesso un centro culturale vivo. La sua storia é molto antica, nel I secolo a.C infatti, Lione era giá capitale della Gallia. Grazie al suo notevole patrimonio artistico la cittá vecchia appartiene alla lista dei patrimoni dell’UNESCO. Lione é anche uno dei piú importanti poli enogastronomici d’Europa e le Brasserie e i ristoranti stellati della cittá sono una garanzia d’eccellenza per gli amanti della buona cucina. Per tutte queste ragioni trascorrere un weekend a Lione é una scelta che ripaga.

Per chi volesse arrivare a Lione via aereo, potrete trovare molti voli economici dall’Italia poiché questa cittá é coperta dalle tratte Easy Jet in quasi tutti i maggiori aeroporti italiani. Inoltre, se avete bisogno di un parcheggio aeroportuale vi consiglio di dare un occhiata a vologio.it che offre ottimi prezzi, noi abbiamo prenotato un parcheggio economico a Bergamo Orio al Serio e ci siamo trovati benissimo.

1.LA CITTÁ VECCHIA E I TRABOULES

La vecchia Lione é il centro culturale della cittá e si trova ai piedi della collina del Fouvriere. L’accesso alla Vecchia Lione dal lato del fiume avviene tramite un ponte che offre una vista colorata dell’area storica con edifici in prima piano e l’imponente Basilica in cima al colle. Questo é il luogo ideale per iniziare il vostro weekend a Lione e per comprendere il carattere di questa cittá. Ovunque ristoranti, bar, gelaterie e boutique popolano le strade di questa zona. Durante le vostre camminate divertitevi a scoprire i passaggi segreti della cittá, i cosiddetti Traboules. Si tratta di passaggi pedonali che attraversano le corti interne di edifici privati connettendo punti diversi della cittá. Questi vennero creati per la prima volta durante il Rinascimento per consentire agli artigiani della seta di trasportare i loro prodotti evitando la pioggia e vennero usati anche durante la Seconda Guerra Mondiale dai partigiani francesi per nascondersi dai nazisti. Alcuni di essi sono tutt’ora pubblici!

Un weekend a Lione.La capitale enogastronomica francese

2. PIAZZA DEL MUNICIPIO E CATTEDRALE DI ST. JEAN

Nella Vieux Lyon si trova anche la Cattedrale di Saint Jean, la cui costruzione inizió nel XII e che rappresenta uno degli esempi piú notevoli di arte gotico-romanica francese.

La Cattedrale domina una delle piazze piú belle di Lione, la Place des Terreaux, nella quale si trovano anche il Municipio e il museo di Belle Arti. Alle spalle della piazza, su una collina potrete ammirare la Basilica di Fourviére.

Un weekend a Lione.La capitale enogastronomica francese

 

3. LA COLLINA DI FOUVRIERE E LA BASILICA

La collina di Fouvriere si trova alle spalle della Vecchia Lione e rappresenta il piú antico insediamento romano nella cittá per la sua posizione strategica sopraelevata sull’area circostante. Essa é comodamente raggiungibile da una funicolare, che é tra le piú antiche al mondo. Questa parte dal centro storico e raggiunge la vetta della collina in pochi minuti. La Basilica é un edificio di stile gotico, classico e bizantino dedicato alla Madonna dei Miracoli e sorge sul luogo in cui furono uccisi dei martiri cristiani. A poca distanza dalla Basilica si trova un anfiteatro romano adibito ora ad eventi all’aperto e concerti. Dalla collina inoltre potrete ammirare un paesaggio spettacolare dell’intera cittá

 

Un weekend a Lione.La capitale enogastronomica francese

4. LA CROIX-ROUSSE E IL MUSEO LUMIERE

Sulla collina che sorge tra la Soana e il Rodano si trova il pittoresco quartiere della Croix-Rousse, un’altra area storica della cittá che nacque nell’Ottocento per ospitare gli artigiani della seta per la quale Lione era molto famosa. In questo quartiere potrete trovare alcuni Traboules nonché numerose caffetterie e boutique locali.

Lione é anche la cittá in cui alla fine del XIX secolo i fratelli Lumiére inventarono il cinematografo. A pochi chilometri dalla Cittá Vecchia si trova la loro vecchia abitazione, convertita oggi nel museo Lumiére all’interno del quale sono esposti reperti originali appartenenti ai due fratelli.

5. DOVE MANGIARE A LIONE

Come detto in precedenza, Lione é la capitale della gastronomia francese, per cui durante un viaggio in questa cittá non puó dirsi concluso senza aver mangiato almeno una volta in uno dei Bouchon locali. I Bouchon sono dei ristoranti informali e molto caratteristici che negli anni hanno mantenuto il tradizionale aspetto dei bistrot locali e che offrono pietanze tipiche lionesi. Le origini di queste antiche locande sono riconoscibili negli arredi dei Bouchon, caratterizzati da tavoli in legno molto vicini tra loro e da attrezzi da lavoro appesi alle pareti. 

Questi ristoranti hanno in genere un’atmosfera molto intima e accogliente e sono il posto migliore per degustare i piatti tipici della cucina lionese. Nella cittá ci sono circa venti Bouchon riconosciuti, la maggior parte dei quali nella Vecchia Lione nel Presq’ilé o nella Croix Rousse. Anche le brasserie sono ottime e molto numerose, concentrate sia nell’area storica della cittá che nell’area moderna del Presqu’ilé.  Quella in cui abbiamo cenato risale al 1836…Insomma avrete l’imbarazzo della scelta!

Se volete un consiglio su dove mangiare durante il vostro weekend a Lione, leggete il mio articolo sulla famosa Brasserie Georges!

Ti é piaciuto questo articolo?

7 commenti su “Weekend a Lione.La capitale gastronomica francese”

  1. Pingback: Dove mangiare bene a Lione-La Brasserie Georges | Holidaylia

    1. Annalisa, grazie del commento! Condivido pienamente quello che dici..Lione é una cittá viva e moderna ma al tempo stesso tranquilla e ricca di storia. L’essere appunto una cittá “vivibile” ma interessante é una delle cose che mi hanno impressionato di piú.

  2. Ma che bella Lione, io la amo in ogni stagione! Ricordo che offre tanto sia dal punto di vista storico ma anche per la parte enogastronimica, avevo optato per un itinerario del genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *